Un nettare unico proveniente da Montecatini e Pescia

Bianco della Valdinievole DOC

La DOC Bianco della Valdinievole, almeno sotto l’aspetto quantitativo, è sicuramente una delle più piccole della Toscana, sebbene il suo territorio comprenda una buona parte dei comuni tra Pistoia e Lucca.
La zona a DOC comprende i territori comunali di Buggiano, Montecatini Terme e Uzzano, e in parte quelli di Larciano, Marliana, Massa e Cozzile, Monsummano Terme, Pescia e Pieve a Nievole.

Enologicamente legata alla tradizione lucchese, la viticoltura di questa zona ha radici secolari poiché già il mercante pratese Francesco di Marco Datini, nel Quattrocento, sosteneva che: «Pescia è il grande mercato dei vini con specializzazione in quelli bianchi, i trebbiani, che rappresentano la caratteristica saliente della Valdinievole ». Una vera e propria patente di nobiltà che tra alti e bassi è giunta fino a noi. In tempi più vicini (la DOC è del 1976) le aziende hanno ulteriormente valorizzato quello che era sempre stato il vino tradizionale con l’inserimento di nuove varietà di uve che sono andate ad aggiungersi al Trebbiano toscano. E accanto al bianco i produttori pistoiesi hanno affiancato un Vin Santo che viene commercializzato dopo tre anni di maturazione in caratelli.

Il Bianco della Valdinievole è stato apprezzato da grandi come Puccini, Mascagni, ma anche Totò, frequentatori di Montecatini Terme, moderna capitale della zona.

I vitigni

Trebbiano toscano (70-100%). Possono concorrere Malvasia del Chianti, Canaiolo bianco e Vermentino presenti nei vigneti, da soli o congiuntamente, fino al 25%, e le uve di altri vitigni a bacca bianca fino al 5%. La resa ettariale non deve superare i 130 quintali.

Caratteristiche organolettiche

Il Bianco della Valdinievole presenta colore giallo dorato chiaro, tendente al paglierino; profumo lievemente vinoso, gradevole; sapore secco, vivace, armonico, talvolta tendente al frizzante, gradazione alcolica minima 11º per il bianco, 17º per il Vin Santo. Quest’ultimo viene prodotto nei tipi secco, semisecco e dolce. Ha colore dal paglierino al leggermente ambrato; profumo intenso, etereo, tipico; sapore armonico, morbido con retrogusto amarognolo caratteristico.

Gastronomia

Vino da antipasti, minestre, verdure, pesce alla griglia e crostacei. Una vasta gamma di pasticceria si presta ad essere accompagnata alle varie tipologie del Vin Santo, a partire dalle famose cialde di Montecatini, ma anche i brigidini, specialità di Lamporecchio. Può essere valorizzato anche da una pizza alle verdure oppure con i rinomati asparagi giganti di Pescia, cotti al dente.

Crediti post:Visit Tuscany

Crediti foto:Shutterstock

Share:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su vk
Condividi su whatsapp
Condividi su print

Additional Packages

Post correlati

We're here for you

Contact us

Grand Hotel Croce di Malta userà le tue informazioni per risponderti e in futuro per aggiornarti sulle ultime novità e promozioni.

Iscriviti alla nostra Newsletter

Rimani sempre aggiornato